TOSSINA BOTULINICA

Cosa è
La tossina botulinica è un farmaco che viene impiegato da circa 20 anni in campo oculistico per la cura dello strabismo e in campo neurologico per correggere le spasticità muscolari. Fin dall’inizio di questo secolo ne è stato tossina-e-iper-idrosiautorizzato dal Ministero della Salute il suo utilizzo anche in medicina e chirurgia estetica per il trattamento delle rughe di espressione del viso, in particolare per quelle tra le sopracciglia. La tossina botulinica agisce bloccando la trasmissione nervosa tra il nervo ed il sottile muscolo mimico che determina la ruga. In questo modo si agisce sulla causa di formazione delle rughe e la pelle di conseguenza risulta più distesa ed il viso più riposato. I risultati migliori si ottengono sulle rughe orizzontali della fronte, su quelle verticali tra le sopraciglia, e su quelle perioculari (“zampe di gallina”). La nostra filosofia ci fa preferire una correzione molto leggera, capace soltanto di indebolire la muscolatura ma non paralizzarla, così che il volto mantenga la sua mobilità e la sua espressività, apparendo solo più disteso e luminoso Il farmaco ha poco o nessun effetto sulle rughe da fotoinvecchiamento o da postura e non agisce sulla lassità cutanea, per cui non ha indicazione in quei pazienti in cui si abbia un notevole rilassamento cutaneo o un eccesso di pelle e non sostituisce interventi come il lifting chirurgico del viso

Indicazioni:
Si utilizza per la correzione delle rughe di espressione del terzo superiore del volto ( rughefrontali,glabellari e perioculari).
Un altro impiego dermatologico non estetico ma con ripercussioni importanti nella vita di relazione è legato al trattamento dell’eccessiva sudorazione (iperidrosi) ascellare, delle mani e dei piedi.

Come si effettua:
Il trattamento consiste nella iniezione di piccole quantità di farmaco grazie ad una siringa dotata di un piccolissimo ago.
Non è necessaria alcuna anestesia e le iniezioni lasciano solo in alcuni casi un modesto arrossamento per alcuni minuti.
L’effetto farmacologico della sostanza comincia a dare risultati apprezzabili dopo 2-3 giorni, e raggiunge il massimo effetto dopo 20-30 giorni.
Poiché il risultato non è immediato, è indispensabile una visita di controllo, con eventuale ritocco, a distanza di 2-3 settimane dal trattamento.
L’effetto del farmaco è temporaneo e la sua durata è di 3-7 mesi a seconda delle persone. Successivamente l’effetto scompare lentamente ed il trattamento può essere ripetuto.
E’importante non ripetere il trattamento prima del tempo per non compromettere la capacità di risposta e quindi ottenere sempre buoni risultati (è una buona regola sottoporvisi non più di 2-3 volte l’anno).

Controindicazioni:
La tossina botulinica presenta poche ma importanti controindicazioni (cioè situazioni preesistenti che sconsigliano il trattamento) quali la miastenia gravis e tutte le sindromi neurologiche con riduzione della forza contrattile ed alcune altre malattie neurologiche. Il suo uso è inoltre controindicato in gravidanza e allattamento.Il più comune effetto collaterale è dato dalla possibilità che risultino visibili per qualche ora i segni delle iniezioni (difficilmente si hanno lividi). Talvolta può insorgere un mal di testa successivo al trattamento, che è prontamente reversibile. In rari casi possono aversi modeste asimmetrie dell’espressione del volto (correggibili con lo stesso farmaco) o il coinvolgimento di muscoli adiacenti, il più importante dei quali è il coinvolgimento dei muscoli della palpebra con riduzione della capacità di sollevamento della palpebra stessa, fenomeno reversibile nell’arco di qualche settimana (2-4).
Tutti gli effetti del farmaco, compresi quelli collaterali, sono sempre e comunque completamente reversibili.

Tossina e iperidrosi:
botulino-iperidrosiLa sudorazione è un fenomeno fisiologico naturale indispensabile per mantenere stabile la temperatura corporea; in alcune persone può essere però eccessiva in sedi come le ascelle, le mani, i piedi e la fronte. L’eccesso di sudorazione interessa circa l’1% della popolazione e può essere secondario ad altre patologie quali l’ipertiroidismo e l’obesità, ma nella maggioranza dei casi non ha una causa apparente, e si manifesta spesso in seguito a situazioni di particolare stress psicologico o emotività. Si tratta di un problema di grande impatto sociale e psicologico che può alterare la stabilità emotiva dell’individuo sino a determinarne l’isolamento sociale.Generalmente per controllarla si usano antitraspiranti o antiodoranti ma il loro effetto è scarso e transitorio.
L’iperidrosi può essere trattata con ottima efficacia utilizzando la tossina botulinica, che agisce bloccando temporaneamente il meccanismo che sta alla base della secrezione del sudore. Il farmaco viene iniettato direttamente nell’area interessata dalla sudorazione eccessiva; le iniezioni sono lievemente fastidiose a livello delle ascelle e della fronte, mentre sono più dolorose a livello palmare e plantare, zone per cui viene eseguita una anestesia preliminare al trattamento. Pur avendo una durata temporanea di circa 6-7 mesi, il farmaco è generalmente efficace con risultati molto soddisfacenti, anche in relazione alle alternative terapeutiche, poche e spesso invasive; per l’iperidrosi ascellare è infatti possibile effettuare un intervento chirurgico mentre invece per le altre sedi non esistono cure definitive efficaci.
Quindi il trattamento con tossina botulinica risulta spesso realmente la vera soluzione del problema e viene eseguito con sempre maggiore frequenza.